Diventare filantropi creando lavoro

6 settembre 2011 § Lascia un commento

Ci tengo a mettervi a conoscenza di una articolo trovato sulla Harvard Business Review, che riguarda come si può essere filantropi senza obbligatoriamente fare donazioni.

L’articolo parla di un personaggio che tutti conosciamo e di cui personalmente nutro una enorme stima, Mr Steve Jobs, il quale ha costruito un impero nel campo dell’informatica e dell’elettronica, ma allo stesso tempo ha costruito quella che noi chiamiamo una impresa sociale.

Di fatto la sua continua ricerca di creare prodotti unici, che possano aiutare le persone nella vita lavorativa e in quella personale, ha fatto si che il “Mondo” diventi più facile da vivere; iPad, iPhone, macbook e via dicendo, strumenti che una volta conosciuti non riesce più a farne a meno.
Ora vi lascio alla piacevole lettura di questo articolo

Steve Jobs, World’s Greatest Philanthropist

HBR.org | Dan Pallotta
A student at one of my talks on the nonprofit sector asked if I could name a for-profit company that was making a difference on the scale that nonprofits do. I said I’d be hard-pressed to name one that wasn’t.

Our youth are growing up with the strange notion that the only way to make a big difference in this world, or to be of service, is to work for a nonprofit organization, or become the next Bill Gates and establish a private foundation, or to start some kind of “social enterprise,” often without any understanding of what that means.

The word philanthropy comes from the Greek philanthropos which comes from philein for “to love” and anthropos for “human being.” Philanthropy means love of humanity.

Which brings me to Steve Jobs.

Shortly after he returned to Apple in 1997 Jobs allegedly ended all of the company’s corporate philanthropy programs to cut expenses until the nearly bankrupt enterprise regained its footing. Some have claimed the programs were never reinstated.

A 2006 Wired article on Jobs, “Great Wealth Does Not Make a Great Man,” reported that even though his wealth was estimated at $3.3 billion, Jobs’s name did not appear on Giving USA’s list of gifts of $5 million or more for the previous four years, nor on another that list showing gifts of $1 million or more. (The article acknowledged that he could have been giving anonymously.)

The article took a cheap shot: “Jobs can’t even get behind causes that would seem to carry deep personal meaning…he is a cancer survivor. But unlike [Lance] Armstrong, Jobs has so far done little publicly to raise money or awareness for the disease.” It went on, “…he’s nothing more than a greedy capitalist who’s amassed an obscene fortune. It’s shameful…[Bill] Gates is much more deserving of Jobs’ rock star exaltation. In the same way, I admire Bono over Mick Jagger, and John Lennon over Elvis, because they spoke up about things bigger than their own celebrity.” Yes, but in part their own celebrity was connected to the things they spoke up about.

In a 1985 Playboy interview, Jobs acknowledged that it takes enormous time to give money away, and stated that, “in order to learn how to do something well, you have to fail sometimes…the problem with most philanthropy-there’s no measurement system.. you can really never measure whether you failed or succeeded…So…it’s really hard to get better.” He added that, “When I have some time, I’m going to start a public foundation.”

In 1986, he did, but closed it after 15 months. According to the man he hired to run it, “He clearly didn’t have the time.” Jobs’s friends told one reporter, “he figures he can do more good by expanding Apple.” And thank God for that.

What a loss to humanity it would have been if Jobs had dedicated the last 25 years of his life to figuring out how to give his billions away, instead of doing what he does best.

We’d still be waiting for a cell phone on which we could actually read e-mail and surf the web. “We” includes students, doctors, nurses, aid workers, charity leaders, social workers, and so on. It helps the blind read text and identify currency. It helps physicians improve their performance and surgeons improve their practice. It even helps charities raise money.

We’d be a decade or more away from the iPad, which has ushered in an era of reading electronically that promises to save a Sherwood Forest worth of trees and all of the energy associated with trucking them around. That’s just the beginning. Doctors are using the iPad to improve healthcare. It’s being used to lessen the symptoms of autism, to improve kids’ creativity, and to revolutionize medical training.

And you can’t say someone else would have developed these things. No one until Jobs did, and the competitive devices that have come since have taken the entirety of their inspiration from his creation.

Without Steve Jobs we’d be years away from a user-friendly mechanism for getting digital music without stealing it, which means we’d still be producing hundreds of millions of CDs with plastic cases.

We would be without Pixar. There’s a sentence with an import inversely correlated to its length.

We would be without the 34,000 full-time jobs Apple has created, just within Apple, not to mention all of the manufacturing jobs it has created for those who would otherwise live in poverty.

We would be without the wealth it has created for millions of Americans who have invested in the company.

We would be without video conferencing for the masses that actually works. Computers that don’t keep crashing. Who can estimate the value of the wasted time that didn’t get wasted?

We would be without a whole new way of thinking. About computers. Leadership. Business. Our very potential.

Last year Change.org wrote of Steve Jobs, “It’s high time the minimalist CEO became a magnanimous philanthropist.”

I’ve got news for you. He has been. What’s important is how we use our time on this earth, not how conspicuously we give our money away. What’s important is the energy and courage we are willing to expend reversing entropy, battling cynicism, suffering and challenging mediocre minds, staring down those who would trample our dreams, taking a stand for magic, and advancing the potential of the human race.

On these scores, the world has no greater philanthropist than Steve Jobs. If ever a man contributed to humanity, here he is. And he has done it while battling cancer.

In a statement today Bono defended Jobs, noting that Apple has been Product (RED’s) “largest contributor to the Global Fund to Fight AIDS, Tuberculosis and Malaria — giving tens of millions.” More important, Bono stated that, “Just because he’s been extremely busy, that doesn’t mean that he [has] not been thinking about these things.” Steve Jobs has traded his time for human progress. Not for personal pleasures. This is not a man who spent his time building homes or custom yachts or who otherwise obsessed with how to spend his billions on himself. And no one would say of him that he ever seemed to have a lot of spare time on his hands.

Werner Erhard used to say that he wanted his gravestone to say, “Burned out.” By all appearances, Jobs has burned out just about every ounce of fuel he was given trying to bring new possibilities into this world. God willing, he has more fuel in reserve. If so, he should expend a little of it on himself. To do more than he has done for humanity already, no human could ever be asked.

Pubblicità

Tagliare i costi non significa tagliare persone

5 settembre 2011 § Lascia un commento

Uno dei più grandi errori che le aziende hanno fatto durante la recente crisi è stato il licenziamento di massa di persone al fine di tagliare i costi. Per aziende quotate le prestazioni di prezzo delle azioni, a seguito delle riduzioni di personale,  hanno dimostrato  l’impopolarità tra gli investitori, mentre numerosi studi nell’ultimo decennio hanno dimostrato che nel lungo termine, si creano effetti dannosi sulle performance aziendale. Per non parlare delle conseguenze negative a seguito licenziamenti per decine di dipendenti e le loro famiglie, infatti, secondo gli esperti, negli ultimi due anni di quasi 1 milione di licenziamenti di massa minacciano una ripresa sostanziale dell’economia.

 

 

Tuttavia, nonostante gli avvertimenti diffusi, tutte le aziende più importanti sostengono che i  licenziamenti di massa sono state l’unica arma efficace che possedevano per rispondere alle gravi difficoltà. Ma è vero? A dire il vero, le spese per il personale tendono a fare la parte del leone per la maggior parte delle aziende, tuttavia, le aziende devono affrontare notevoli costi legati ad errori, incidenti, sorprese ed eventi esterni collettivamente noti come “rischi operativi”, tali costi sono notevoli ma, se gestiti correttamente, potrebbero significativamente ridurre la linea di fondo con pochi effetti collaterali negativi. Per esempio, alcune indicano che le perdite solo per i rischi maggiori (ad esempio, gli infortuni dei dipendenti, il furto di ufficio, ecc) superano 85 miliardi di euro l’anno.

Così, anche una riduzione di questi rischi del 50% può fare ottenere lo stesso risparmio di costi d’impresa che ne deriva da un taglio di persone senza però lasciare nessuna conseguenza.

 

Naturalmente ridurre i costi di gestione dei rischi operativi richiede un cambiamento di mentalità, una strategia più globale e un cambiamento fin dal profondo del cuore. La statica voce “contabilità” deve essere sostituita da una più umana, dinamica e variabile visione dei costi che riconosce il licenziamento di persone come un valore-perdente, o come ultima risorsa – fondamentale è creare un sistema di valutazione dei costi operativi nella loro globalità che possa dare un immediato riscontro.

Il problema di molte aziende(soprattutto di grandi dimensioni) è che i diversi problemi/errori sono gestiti da enti diversi, gli infortuni sono gestiti dalle risorse umane, i problemi di produzione o di operatività dalle Operation, i problemi informativi dal settore IT e via dicendo – questa situazione crea una frammentazione che non permette una visione chiara, il che rischia di riportarci verso la voce di costo più “semplice” il taglio delle persone.

 

Proviamo a percorrere i 2 step che ci aiuteranno a comprendere quale strategia di riduzione dei costi sia la migliore:

 

1 – Applichiamo alcuni standard per identificare i costi come ad esempio “gli errori relativi a persone, processi, sistemi e gli eventi esterni”, oppure concentriamoci su un solo indicatore come ad esempio gli infortuni e andiamo ad identificare la perdita proveniente da questo indicatore, tenendo in considerazione un orientamento temporale ben preciso 1 mese, 3 mesi, 6 mesi, 1 anno – Anche se non tutti gli eventi avranno i dati registrati è sufficiente concentrarsi solo sulla raccolta dei dati per quelli che lo fanno.

2 – Creare e valutare una metrica, la più semplice metrica è un’analisi SWOT di ispirazione scorecard orienta due dimensioni: probabilità di accadimento e costi. Sulla base dei numeri, è possibile decidere quali le perdite sono di basso (probabilità)-bassa (costo), medio, grande suddividendo in categorie e in tutte le combinazioni in mezzo – l’obiettivo è semplice: comprendere come gestire i diversi eventi e che tipo di impatto hanno sui costi al fine di poter sviluppare una migliore gestione – Confrontiamo i tagli da rischi operativi e i costi legati al taglio delle persone.

 

Ora si conosce la posizione, la scala e la portata dei rischi operativi (così come i mezzi e le spese per la loro riduzione), così come i controlli da effettuare per poterli ridurre, si possono così confrontare direttamente i vantaggi per farlo con i benefici percepiti semplicemente tagliando persone.

 

Tuttavia, considerando che il taglio delle persone porta effetti negativi, e difficili da determinare nelle loro conseguenze, il vero problema è comprendere se ridurre i costi sia sufficiente per far tornare l’azienda verso la redditività immediata.

 

Misurate e troverete la risposta.

Tre aspetti di Imprenditori di successo

2 settembre 2011 § Lascia un commento

A volte, quando ti stai chiedendo cosa fare nella vita, un buon consiglio può venire quando meno te lo aspetti ad esempio mentre ti stanno tagliando i capelli o nei momenti più inaspettati, ricercatori dicono che avvenga proprio nel momento in cui la nostra mente e’ più rilassata.

Questo mi ha permesso di riflettere su un articolo letto su HBR.org riguardo gli attributi che un imprenditore deve avere per essere definito tale:

Pratico: Gli imprenditori di successo sanno come tenere i piedi per terra. In primo luogo, trovare ispirazione attraverso l’osservazione personale, sviluppando le idee di bisogni che vedono nel mondo intorno a loro. In secondo luogo, sviluppare un piano concreto. Possono lavorare secondo il piano, cambiando se necessario, sempre con un occhio verso ottenere un buon ritorno.

Propositivo. Le persone con una visione pratica cercano opportunità che possano aggiungere valore, rispetto alle opportunità che sembrano appena “cool”. (E ‘facile dimenticare questa distinzione, soprattutto in organizzazioni ben strutturate). Il loro obiettivo è offrire prodotti e servizi che i clienti hanno bisogno e pagheranno volentieri.

Impaziente. Certo, la pazienza è una virtù in alcuni casi ma per un imprenditore, è l’impazienza. L’imprenditore è desideroso di far succedere le cose in modo che possa continuare a guadagnare da vivere bene, la sua grinta e l’ambizione lo rendono impaziente verso il successo, e guidano le sue possibilità di arrivarci.

C’è un tratto finale che condividono gli imprenditori di successo: Si rendono conto che l’ispirazione è inutile senza sudore, le persone che lavorano per se stessi devono fare affidamento sulla loro get-up-and-go.

Imprenditori con queste caratteristiche sono oggi fondamentali, in quanto possono garantire il futuro della nostra economia, soprattutto Italiana, la loro sete di indipendenza permette di guardare avanti e non fermarsi

Persone che possono pensare e pianificare in anticipo, stanno bene con l’incertezza, e avere la disciplina di duro lavoro sono una risorsa per tutti i paesi – e noi dobbiamo trovare il modo di investire in esse.

La vostra azienda vuole crescere?

1 settembre 2011 § Lascia un commento

La crescita è una risposta pressoché obbligata al cambiamento, alla competizione, al miglioramento.
Infatti man mano che la nostra organizzazione cambia (sempre in un ambito Lean), i nostri risultati migliorano e cominciamo a essere più attraenti rispetto alla concorrenza nel nostro settore di mercato.
Inoltre, sviluppando un percorso di miglioramenti si inizia a liberare risorse: o le eliminiamo (e sarebbe come azzopparsi, e come indicate in altricial post, non ci pone in una posizione favors ole rispetto al Mondo) oppure le utilizziamo per aprire ulteriori settori/aree omigliorare altre attività.

Se invece l’azienda no decide di cambiare il mercato ci abbandona, anche se abbiamo la FORTUNA Di essere in un settore di nicchia, ci troviamo comunque di fronte ad un cambiamento di richieste e abitudini, con spesso un rapido ed importante cambiamento della tecnologia di base.

Con rammarico dobbiamo affermare chele imprese che non cambiano, e non migliorano, sono destinate a ridursi, fino a scomparire.

Quindi la crescita è una necessità? Almeno nel settore industriale la risposta è si. Forse nei servizi il ciclo di cui sopra non è così automatico, ma se vi è un minimo di concorrenza la risposta è comunque si.
Ricordiamoci comunque che anche nei settori più protetti prima o poi arriva un concorrente meglio attrezzato, se non fosse solo perché ha studiato i nostri punti deboli,reagire e’ fondamentale per non dover cedere parte del nostro business.

Quindi ci troviamo di fronte ad una crescita come necessità generata dal cambiamento; Ma la crescita non è solo dimensionale deve anche essere qualitativa e relazionale, la crescita è possibile solo con un riassetto organizzativo, strumenti di management e di gestione rigorosi, eed una partecipazione non gerarchica.

Il coinvolgimento delle risorse umane deve essere totale: la strategia deve essere chiara e ben comunicata, i risultati evidenti sotto gli occhi di tutti.

E la politica di vendita? Internazionalizzazione, qualità e riduzione dei costi non bastano più. Oggi è sempre più importante capire le vere esigenze dei clienti, ci troviamo di fronte spesso a verificare che è il cliente che detta le linee guida prodotto e il servizio che ne deriva, noi fungiamo da mezzo di realizzazione.

L’importante è ascoltarlo senza pregiudizi, non cercando conferme di quello che sappiamo già,
essere creativi. Non so se qualcuno di voi è andato mai a spulciare il bilancio della RyanAir: in proporzione guadagna molto di più dagli aeroporti che dalla vendita dei biglietti.

Sergio Fandella

Dove sono?

Stai visualizzando gli archivi per settembre, 2011 su Wtco.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: