Migliorare la propria vita

3 febbraio 2012 § Lascia un commento

Vi fermate mai a pensare o siete presi costantemente dalla frenesia delle giornate?
Gestite il vostro tempo o e’ il tempo a gestire voi?

Queste sono alcune domande che dovremmo porci di continuo, e quanto sotto indicato esprime perfettamente cosa abbiamo visto in giro e cosa dobbiamo fare

I was sitting with the CEO and senior team of a well-respected organization. One at a time, they told me they spend their long days either in back-to-back meetings, responding to email, or putting out fires. They also readily acknowledged this way of working wasn’t serving them well — personally or professionally.

It’s a conundrum they couldn’t seem to solve. It’s also a theme on which I hear variations every day. Think of it as a madness loop — a vicious cycle. We react to what’s ain front of us, whether it truly matters or not More than ever, we’re prisoners of the urgent.

Prioritizing requires reflection, reflection takes time, and many of the executives I meet are so busy racing just to keep up that they believe they don’t have time to stop and think about much of anything.

Too often — and masochistically — they default to “yes.” Saying yes to requests feels safer, avoids conflict and takes less time than pausing to decide whether or not the request is truly important.

Truth be told, there’s also an adrenalin rush in saying yes. Many of us have become addicted, unwittingly, to the speed of our lives — the adrenalin high of constant busyness. We mistake activity for productivity, more for better, and we ask ourselves “What’s next?” far more often than we do “Why this?” But as Gandhi put it, “A ‘no’ uttered from the deepest conviction is better than a ‘yes’ merely uttered to please, or worse, to avoid trouble.”

Saying no, thoughtfully, may be the most undervalued capacity of our times. In a world of relentless demands and infinite options, it behooves us to prioritize the tasks that add the most value. That also means deciding what to do less of, or to stop doing altogether.

Making these choices requires that we regularly step back from the madding crowd. It’s only when we pause — when we say no to the next urgent demand or seductive source of instant gratification — that we give ourselves the space to reflect on, metabolize, assess, and make sense of what we’ve just experienced.

Taking time also allows us to collect ourselves, refuel and renew, and make conscious course corrections that ultimately save us time when we plunge back into the fray.

What follows are four simple practices that serve a better prioritized and more intentional life:

1. Schedule in your calendar anything that feels important but not urgent — to borrow Steven Covey’s phrase. If it feels urgent, you’re likely going to get it done. If it’s something you can put off, you likely will — especially if it’s challenging.

The key to success is building rituals — highly specific practices that you commit to doing at precise times, so that over time they become automatic, and no longer require much conscious intention or energy. One example is scheduling regular time in your calendar for brainstorming, or for more strategic and longer term thinking.

The most recent ritual I added to my life is getting entirely offline after dinner each evening, and on the weekends. I’m only two weeks into the practice, but I know it’s already created space in my mind to think and imagine.

2. As your final activity before leaving work in the evening, set aside sufficient time — at least 15 to 20 minutes — to take stock of what’s happened that day. and to decide the most important tasks you want to accomplish the next day.

Clarifying and defining your priorities — what the researcher Peter Gollwitzer calls “implementation intentions” — will help you to stay focused on your priorities in the face of all the distractions you’ll inevitably face the following day.

3. Do the most important thing on your list first when you get to work in the morning, for up to 90 minutes. If possible, keep your door closed, your email turned off and your phone on silent. The more singularly absorbed your focus, the more you’ll get accomplished, and the higher the quality of the work is likely to be. When you finish, take a break to renew and refuel.

Most of us have the highest level of energy and the fewest distractions in the morning. If you can’t begin the day that way, schedule the most important activity as early as possible. If you’re one of the rare people who feels more energy later in the day, designate that time instead to do your most important activity.

4. Take at least one scheduled break in the morning, one in the afternoon, and leave your desk for lunch. These are each important opportunities to renew yourself so that your energy doesn’t run down as the day wears on. They’re also opportunities to briefly take stock.

Here are two questions you may want to ask yourself during these breaks:

1. Did I get done what I intended to get done since my last break and if not, why not?

2. What do I want to accomplish between now and my next break, and what do I have to say “no” to, in order to make that possible?

Carpe Diem.

Pubblicità

Imprenditori si nasce o si diventa?

22 novembre 2011 § Lascia un commento

Questa è la famosa domanda da 1ml di Euro, alla quale proviamo a dare un risposta, o meglio un personale interpretazione.

Partiamo dal fatto che oggi avviare e/o gestire un’attività risulta essere sempre più difficile, i costi da sostenere sono sempre più elevati, il governo(almeno quello italiano) rappresenta il socio che non produce ma assorbe risorse finanziare senza dare particolare assistenza(o molto poca).

Questo ci pone in una situazione molto difficile ma altrettanto interessante, che ci permette di capire chi veramente e’ in grado di sviluppare business per capacita’, oppure solamente per il fatto che ha indovinato il canale giusto, dando quindi origine ad un business temporaneo che al termine della “moda” e’ destinato a decadere

Ma veniamo al nostro argomento; lo spirito imprenditoriale e’ qualcosa che non si trova all’interno di ogni persona, diventare imprenditori, anche di noi stessi, diventa un modo di vivere e di affrontare ogni situazione, e purtroppo non coincide sempre con la vita personale ( argomento che andremo a trattare in un prossimo post).

La mia opinione personale dell’imprenditore, lo definisce come una persona che vuole realizzare n sogno, che desidera “costruire” qualcosa, lasciare un segno importante nella vita delle altre persone, e in qualche modo creare ricchezza anche per coloro che vi collaborano.

Lascio a voi ogni commento

Kaizen – definizione

7 settembre 2011 § Lascia un commento

Kaizen è un termine giapponese che deriva dal Toyota Production System, che si riferisce alla pratica del miglioramento continuo. L’idea del kaizen è stata adottata nel mondo degli affari giapponese, dopo la seconda guerra mondiale ed è stato influenzato in parte da imprese dall’America e da docenti provenienti da paesi stranieri che insegnavano la gestione della qualità. Si è ora diffusa in tutto il mondo ed è praticato in molti settori diversi.

Kaizen è un processo che cerca di umanizzare l’ambiente di lavoro e di eliminare qualsiasi lavoro che è considerato troppo rigido o che possa creare spreco e quindi dispersione di energia e valore. Essa mira inoltre a insegnare i lavoratori come dovrebbero effettuare esperimenti sul lavoro che stanno facendo in modo che possano identificare ed eliminare i gli sprechi che si verificano. L’idea principale è quella di coltivare le risorse umane in una società in modo che la produttività è aumentata e gli sprechi sono ridotti al minimo.

Fattore fondamentale è che la partecipazione attiva al processo kaizen delle attività deve essere lodata e incoraggiata. Il processo Kaizen è ciclico , si comincia misurando le operazioni, identificando gli sprechi, rimuovendoli e facendo esperimenti al fine di ottenere un aumento della produttività, in conclusione standardizzando il sistema fino al prossimo step di migliroramento. Questo processo deve essere sviluppato all’infinito in modo che il processo di operazioni possono continuare a migliorare.

Gli elementi principali che sono necessari per il kaizen di sono: impegno, disponibilità al cambiamento, la qualità, il coinvolgimento di ogni dipendente e la comunicazione. La procedura descritta sopra può essere applicata alle posizioni in tutta dal CEO fino all’ultima persona dell’azienda, tutti possono essere in grado di beneficiare di questo approccio.

Dove sono?

Stai esplorando le voci con il tag migliorare su Wtco.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: